Oggi ricorre un anniversario importante: il 20 novembre del 2014 ci ha lasciato Ancel Benjamin Keys, biologo, fisiologo statunitense, famoso per aver trattato le malattie cardiovascolari nonché “padre” della dieta mediterranea.

Ancel Keys

Ma che cos’è la Dieta Mediterranea?

È una dieta in cui sono previsti:

  • Pane,
  • pasta,
  • frutta,
  • verdura,
  • molti legumi,
  • olio extra-vergine di oliva,
  • pesce,
  • pochissima carne
Dieta Mediterranea

Alla Dieta Mediterranea è stato assegnato dall’Unesco il titolo di “Patrimonio orale e immateriale dell’umanità”, visto il suo valore inestimabile per la salute.

Ancel Keys

Ma ritorniamo a Keys: negli anni ’50 Keys visita i paesi del dopoguerra e in Italia: fa tappa nel Sud d’Italia – di cui sposa il tipo di alimentazione. Di fatto la dieta mediterranea idealizzata da Keys è l’alimentazione povera dei nostri nonni nel primo dopoguerra ed è molto diversa dalla nostra dieta attuale!

Ancel Keys Nicotera 1957 7 country studies (fonte: http://www.epi.umn.edu/cvdepi/photograph/nicotera-italy-seven-countries-pilot-survey/)

Nel periodo in cui è in Italia, Keys partecipa al primo “Convegno sull’Alimentazione” a Roma: egli si rende conto di quanto i problemi cardiovascolari e gastrointestinali abbiano un’incidenza diversa in Campania e nel Sud d’Italia rispetto agli Stati Uniti.

Decide quindi di compiere delle analisi al fine di comprendere perché in queste regioni le popolazioni, soprattutto gli anziani, siano più in salute che altrove.

Keys è uno dei primi pionieri ad aver messo in relazione il colesterolo con i grassi saturi ed insaturi: le sue analisi testimoniano quanto la dieta mediterranea dei nostri nonni fosse benefica per la salute.

Il volume “Eat well and stay well”, consacra la sua fama e trasforma il concetto di alimentazione anche negli Stati Uniti.

Tuttavia, Ancel Benjamin Keys, è stato anche una figura molto controversa: ne sono un esempio gli studi ora non più eticamente ammissibili sugli obiettori di coscienza che non volevano combattere la WWII e su cui egli conduceva dei test come il digiuno o le diete ipocaloriche.

La razione K, ovvero il pasto militare introdotto negli Stati Uniti d’America per Seconda Guerra Mondiale, deve il suo nome proprio a Keys.

Razione K

Oggi alcuni concetti espressi da Keys sono superati, ma, in ogni caso, tralasciando gli aspetti controversi ed audaci della vita di questo studioso, a Keys va senza dubbio il merito di aver “messo in luce” una dieta e uno stile di vita in cui si premiava il benessere e la longevità.

Ancel Benjamin Keys muore a Pioppi, suo quartier generale per gli esperimenti e gli studi proprio il 20 novembre 2014 all’età di 100 anni.