SUPER OP ottimizziamo l’allenamento

Stiamo per entrare in una nuova era per quanto riguarda la salute. Computer, internet e soprattuto le nuove generazioni di smatphone, tablets e wearables, dispositivi indossabili come gli ultimi smartwatch, stanno per offrirci nuove possibilità. Piccoli oggetti che raccolgono dati sul nostro stato di salute e li accorpano in una sorta di cartella clinica digitale, dove raccolgono un’incredibile mole di dati.

I primi dispositivi a raccogliere dati sono stati quelli che analizzavano i parametri sportivi, in particolare i vari tipi di cardiofrequenzimetro, che sono diventati dei buoni compagni di allenamento. A questi si affiancano diversi tipi di smartwatch, con accelerometri che permettono di contare i passi quotidiani.

Io ho avuto avuto l’occasione di provare (per diversi mesi)  in anteprima un nuovo tipo, il SuperOP.

 

SuperOp unboxing

Il SuperOp appena arrivato in farmacia

 

il nostro esemplare di preserie non ha ancora il logo SuperOP

il mio esemplare di preserie non ha ancora il logo SuperOP

 

Il  SuperOp cos’è?

Il SuperOp sembrerebbe un semplice misuratore di pressione, ma analizzandolo meglio scopriamo che, collegato ad un’app, (iOS, Android o Web) tramite bluetooth, ci permette di vedere quanto il nostro organismo ha recuperato dalle fatiche degli allenamenti precedenti e ci consiglia come pianificare le sessioni di training sucessive. In pratica tramite dei sofisticati algoritmi il SuperOp analizza pressione e pulsazioni mattutine, capisce quanto siamo stanchi e tramite un “semaforo” ci consiglia su quanto “spingere” nei prossimi allenamenti.

Questi sono i semafori che indicano quanto posso allenarmi oggi.

Questi sono i semafori che indicano quanto posso allenarmi oggi.

SuperOp a cosa serve?

Per capire come sfruttare uno strumento come il SuperOP bisogna fare un passo indietro e capire perché ci alleniamo. Semplificando, l’allenamento serve a stressare leggermente il nostro organismo e a promuovere degli adattamenti, soprattuto a livello neuromuscolare e cardiorespiratorio che permettono di migliorare le prestazioni sportive. Allenarsi troppo poco, senza la giusta intensità e con sedute troppo distanti una dall’altra, non aiuta ad ottenere risultati. Di contro allenarsi troppo intensamente e senza i giusti tempi di recupero  ti porta all’  overtraining. SuperOp quindi serve ad analizzare lo stato di recupero dell’atleta e a pianificare durata ed intensità degli allenamenti giornalieri.

SuperOp come funziona?

La notte durante il sonno il nostro organismo recupera molte energie. Durante la notte pulsazioni e pressione sanguigna scendono, per poi “ripartire” al mattino, quando ci alziamo. La pressione e il battito cardiaco del riposo notturno non sono sempre costanti, ma variano molto in base a quello che abbiamo fatto la giornata precedente e a quanta stanchezza abbiamo accumulato. SuperOp ha bisogno che questi dati vengano rilevati per due settimane, per capire quali sono i nostri parametri abituali e da questi, tramite dei sofisticati calcoli, riesce a capire qual’è la nostra ricettività organica e il livello di stress metabolico, ovvero quanto siamo “stanchi” e quanto ci possiamo allenare.

Stress Metabolico

Stress Metabolico

SuperOp come si usa?

Il superOp va utilizzato la mattina appena svegli, prima ancora di alzarsi dal letto. Bisogna spegnere la sveglia, recuperare il SuperOp dal comodino e con calma applicarlo al polso e premere il tasto start. Una volta rilevati pressione e battito basterà aprire l’app sullo smartphone ed inviare i dati via bluetooth per vedere “il semaforo” con il grado di stress metabolico. (In alternativa, si possono richiamare i dati di pressione e pulsazioni, dalla memoria del misuratore, ed inserirli anche in un secondo momento nella web app).

superop-attende-sul-comodino-di-essere-usato-ogni-mattina

SuperOp attende sul comodino di essere usato ogni mattina

SuperOp problematiche nell’uso

Idealmente per avere dei dati stabili e comparabili bisognerebbe rilevare la pressione e le pulsazioni durante il sonno, quelli del primo risveglio hanno una buona approssimazione . In un primo momento avevo paura che la piccola scarica d’adrenalina prodotta dal suono della sveglia bastasse ad alterare i parametri rilevati dal SuperOP. Non ho fatto dei controlli con le misurazioni notturne di un Holter Pressorio, ma controllando le pulsazioni con un cardiofrequenzimetro da polso non ho trovato differenze tra i battiti del sonno notturno e quelli rilevati dal superOp al primo risveglio. L’importante è misurare la pressione restando calmi e rilassati prima di alzarsi dal letto, altrimenti non si catturerà il dato giusto. Un altro dubbio iniziale era dovuto al misuratore da polso, noi in farmacia per vari motivi preferiamo consigliare quelli tradizionali da braccio. Uno dei problemi principali dei misuratori di pressione da polso è che tenendo il polso ad un livello più basso o più alto rispetto al cuore, si ottengono valori errati. Con il superOp questo problema non si verifica, perché stando distesi, la posizione del polso è sempre a livello del cuore.

 

molti misuratori di pressione da polso raccomandano di essere usati all'altezza del cuore. (con il superop stando sdraiati non c'è questo problema)

molti misuratori di pressione da polso raccomandano di essere usati all’altezza del cuore. (con il superop stando sdraiati non c’è questo problema)

SuperOp a chi serve?

Sicuramente è uno strumento che può essere molto utile al professionista, per calibrare i carichi di lavoro ed evitare l’overtraining. Il superOp ha una funzione che consente di inviare i dati al proprio allenatore, in modo che possa pianificare gli allenamenti giornalieri. Nel tempo, utilizzando il SuperOp,  si impara a conoscere e a pianificare gli allenamenti con più attenzione e a programmare meglio i tempi di recupero! Questo può risultare particolarmente utile all’amatore, che deve incastrare i tempi di allenamento con il lavoro. Pianificare bene l’intensità o la durata degli esercizi settimanali, può permettere di arrivare “carichi” agli allenamenti/gare del week-end.

Una tabella spiega come sfruttare le indicazioni di SuperOp per pianificare l'allenamento

Una tabella spiega come sfruttare le indicazioni di SuperOp per pianificare l’allenamento

 

I dati della pressione rilevati dal SuperOp possono essere salvati automaticamente nell'app salute dell'Iphone

I dati della pressione rilevati dal SuperOp possono essere salvati automaticamente nell’app “Salute” dell’Iphone

SuperOp l’importanza del recupero

Misurare la pressione tutti i giorni è un po’ una scocciatura. Si diventa un po’ schiavi e ansiosi di vedere il colore del semaforo. Allo stesso tempo ci sono dei vantaggi. Non sono solo gli allenamenti ad influire sul nostro stato di recupero, ma anche il sonno, l’alimentazione e lo stress ed il superOp tiene conto anche di questi fattori.

Se ci si dimentica di usare il SuperOp per parecchi giorni... Servono un paio di giorni per ricalibrarlo...

Se ci si dimentica di usare il SuperOp per parecchi giorni… Servono un paio di giorni per ricalibrarlo…

 

POSITIVO

Compatto. Facile da usare. Forse il primo strumento che permette di analizzare lo stato di recupero, un parametro fondamentale, ma spesso sottovalutato da molti sportivi.

NEGATIVO

Bisogna usarlo con costanza tutte le mattine!

 

Testato con un Iphone 6s tra Marzo e Novembre 2016.

La Farmacia Bonin è rivenditore autorizzato SuperOp.