La cura del piede

Molto distanti dai nostri organi cosiddetti “nobili” (cuore, cervello, reni, fegato), spesso per questo dimenticati e trascurati, i piedi vengono generalmente valorizzati solo a ridosso della bella stagione, quando sandali, scarpe aperte e piedi nudi la fanno da padrone. Al contrario sono elementi importantissimi per il nostro benessere, da curare tutto l’anno, per il solo fatto che sopportano pazientemente il nostro peso e ci fanno muovere e come spesso avviene ci accorgiamo della loro importanza solo quando sono doloranti.

pediluvio-piedi

Lo sapevi che la cura dei piedi è antichissima e non riguarda solamente l’estetica?

In Cina già diverse migliaia di anni fa si praticava del cosiddetto massaggio terapeutico del piede. Secondo l’antica cultura cinese, i piedi sono strettamente collegati con organi e visceri dell’organismo attraverso i cosiddetti “meridiani”, definiti perlopiù come canali di collegamento energetici tra le estremità e gli organi interni: massaggiando i piedi in determinate zone si arriva a influenzare positivamente l’attività degli organi e dei visceri interconnessi, riequilibrandone la fisiologia fino a curarne specifiche malattie.

Noi occidentali chiamiamo questa disciplina “riflessologia”, una scienza i cui principi si basano sul concetto che nei piedi e nelle mani esistono delle zone riflesse corrispondenti ad ogni ghiandola, organo e parte del corpo. Con un mirato massaggio mano-piede si stimolano questi riflessi e si influisce positivamente sullo stress e la tensione, sugli impulsi nervosi, sulla circolazione sanguigna e sull’equilibrio generale del corpo (omeostasi).  Interessante vero?

duroni nei piedi

Anche i piedi vogliono la loro parte! Ma se si trascurano….

Una delle tante richieste in farmacia riguardo all’estetica/salute del piede è quella di un rimedio per i talloni screpolati. La principale causa è la scarsa idratazione, sia in inverno che in estate, che provoca una pelle più arida e secca con desquamazione, colorito che dal roseo tende al bianco-grigiastro opaco e un “cordone” antiestetico di pelle più dura.

Prendiamole in tempo!

Le screpolature che si formano nei piedi, perlopiù sul tallone, sono vere e proprie fissurazioni favorite dalla perdita della normale elasticità della pelle. È bene prenderle subito, perché possono evolvere e approfondirsi fino alla lacerazione creando delle piccole piaghe, dolorose e talvolta sanguinanti e anche poco salutari: una porta d’ingresso nell’organismo per germi e funghi.

Le screpolature fanno male? Sono pericolose?

La sintomatologia è proporzionale all’entità del danno:

  • Quando i talloni sono poco segnati, allora non si avverte dolore ed è soprattutto una questione di estetica: dobbiamo riuscire a bloccare l’evoluzione in questo stadio.
  • Quando invece le fissurazioni progrediscono e diventano molto grandi e con piaghe aperte ecco che sopraggiunge il dolore e il fastidio, avvertibili soprattutto mentre camminiamo. In questa situazione deambulare diventa difficoltoso e pericoloso per le possibili infezioni.
smile sul piede femminile

Attenzione a questi due! (gruppi di cause)

Principali cause dei talloni screpolati

Esterne

  • Il contatto con l’aria e stare a piedi nudi: sporco, polvere, agenti irritanti (es. cloro delle piscine), e vento possono inaridire la pelle
  • La sabbia calda, il sole e il sale del mare
  • Lo sfregamento piede-scarpe (troppo larghe, troppo strette, ecc.) e senza calzini: i continui traumi, gli sfregamenti e le pressioni favoriscono infatti le screpolature
  • I repentini sbalzi di temperatura
  • Detergenti aggressivi che impoveriscono la naturale barriera cutanea
  • Calli e duroni sotto ai piedi

Interne

  • Alcune patologie della pelle (es. psoriasi)
  • Scarsa circolazione del sangue a livello delle gambe/piedi
  • Diabete
  • Sovrappeso/obesità e gravidanza
  • Infezioni al piede
  • Anomalie della conformazione del piede e della deambulazione

Come prendersi cura amorevolmente dei propri piedi… e subito!

Appena si vede comparire sui talloni una pelle ispessita, prima ancora che si presentino i piccoli taglietti, è necessario ammorbidirla con generose dosi di creme idratanti e nutrienti, più volte al giorno. Di seguito alcuni consigli pratici per stare alla larga dalle screpolature ai piedi.

Beauty routine per talloni screpolati

Ammorbidisci la pelle – La prima mossa è un pediluvio: immergi i piedi in acqua tiepida (o acqua tiepida e bicarbonato) per 10-15 minuti; da ripetere frequentemente (es. ogni 3 giorni) in caso di forti screpolature. La regola generale dopo qualsiasi pediluvio è quella di asciugare bene la pelle.

  1. Asporta il superfluo – Esfoliazione, secondo importantissimo passaggio! Utilizzato sia per eliminare definitivamente le cellule morte accumulate, sia in prevenzione (è considerato uno dei migliori rimedi). Una volta alla settimana si può quindi eseguire uno scrub per i piedi con prodotti appositi in farmacia a base di microgranuli; in mancanza d’altro possiamo utilizzare del semplice bicarbonato, e massaggiare con le dita o con una spugnetta. NO allo scrub fai da te con il sale grosso, ingrediente invece molto utilizzato per gli scrub corpo, poiché se si hanno dei micro-taglietti provoca bruciore. Due parole riguardo alla mitica pietra pomice: più incisiva dei microgranuli (ma anche più irritante) è d’obbligo utilizzarla con la pelle del piede ammorbidita dall’acqua, attraverso movimenti circolari delicati. Per un’azione più professionale esistono anche piccoli strumenti elettrici con dei rulli intercambiabili di diversa grana. 

NOTA BENE: resisti alla tentazione di tirare e strappare le pellicine, perché potrebbero aprire delle piccole ferite e favorire le infezioni e non esagerare mai con l’asportazione della pelle.

crema spalmata su piedi
  1. Idrata, idrata, idrata – immediatamente dopo l’esfoliazione viene l’idratazione, a piedi ben asciutti e puliti.  I prodotti per idratare i talloni screpolati sono tanti: se ci troviamo nella fase “normale” cioè quando le fissurazioni non sono sanguinanti, possiamo utilizzare prodotti a base di burri vegetali (es. burro di karité), oppure oli come l’olio di mandorle dolci e altri,  sostanze emollienti e lenitive (es. calendula e bisabololo), alcune volte arricchiti con sostanze antiossidanti (es. estratto di melograno, vitamina E) e sostanze antimicrobiche/cicatrizzanti che aiutano la pelle fragile e debole. Una sostanza molto idratante è l’urea in quanto trattiene l’acqua a lungo; contenuta in diverse creme ha lo scopo di migliorare l’elasticità delle pelli secche e la relativa sensazione di pelle che tira.

Queste creme devono essere spalmate sui piedi una o più volte al giorno, a seconda della situazione. Un consiglio pratico: tieni sul comodino la crema per i piedi vicino a quella per le mani, e associa la cura delle due estremità (mani-piedi) nello stesso momento. È opportuno lasciare assorbire più possibile la crema prima di sdraiarsi nel letto.

Oggi molto utilizzate sono anche le maschere per i piedi: simili a veri calzini con all’interno gli ingredienti attivi si sono rivelate molto comode per i trattamenti “strong” e per la loro praticità di utilizzo.

donna spalma crema su collo del piede
  1. Segui sempre alcune buone abitudini, che devono diventare routine – Le screpolature ai piedi andranno via prima e si ripresenteranno con difficoltà se adottiamo i seguenti accorgimenti:
    1. Idrata costantemente tutto l’anno la pelle del tallone anche se non vedi screpolature
    1. Indossa sempre calzini di cotone senza fastidiose cuciture
    1. Cammina con scarpe comode per evitare sfregamenti eccessivi e callosità: evita quelle troppo strette o larghe, zoccoli duri, tacco alto, ecc. Se necessario, adotta delle solette.
    1. Non camminare scalzo: la polvere, la sabbia, il caldo seccano la pelle del piede, in particolare il tallone
    1. Tieni puliti e asciutti i piedi e adopera un detergente poco aggressivo. Le infezioni al piede, come l’infezione fungina chiamata “piede di atleta” (favorita dalla macerazione della pelle per l’umidità delle scarpe da ginnastica), sono più pericolose se la pelle è fissurata.
    1. Riduci il carico sui piedi dimagrendo (se in eccesso di peso); anche in questo caso è possibile adoperare solette ammortizzate per limitare l’impatto con il terreno.
    1. Fai attenzione all’eccessiva secchezza dell’ambiente esterno
    1. Evita la disidratazione dell’organismo: bevi almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.
    1. Sii consapevole che alcune patologie come il diabete, la psoriasi, l’obesità, possono nuocere anche ai tuoi piedi: devono essere sempre tenuti d’occhio. 

Quando la faccenda si fa dura…

Quando chiedere consiglio al medico? In caso di talloni fissurati con sanguinamenti e piaghe, soprattutto quando non ne vediamo la pronta guarigione, l’unica soluzione è un consulto medico, anche per escludere una parallela infezione batterica o da funghi.

Bibliografia

Yamuna Zake – La salute comincia dai piedi. Ed. De Agostini, 2022

Dwight C. Byers – La riflessologia del piede. Edizioni Mediterranee, 2020

Carsten Stark – Piedi sani, corpo sano. Ed. Il Punto d’Incontro, 2016