Questa volta giochiamo di anticipo: sembra sempre troppo presto perché le ferie sono passate da poco, ma la fase di passaggio dall’estate all’autunno è molto rapida e noi dobbiamo essere pronti.

Tra ottobre e novembre il freddo sempre più pungente, l’instabilità del tempo, l’umidità, il vento e, ciliegina sulla torta, l’inquinamento delle città non favoriscono certo lo splendore della pelle del viso, già messa a dura prova qualche mese prima da sole estivo, caldo e disidratazione, salsedine, cloro, ecc.

Il freddo provoca costrizione dei capillari della cute e minore circolazione del sangue e il riscaldamento negli ambienti chiusi con la poca circolazione di aria completano il quadro.

donna con pelle idratata
Addio alla pelle spenta e opaca, secca e screpolata, ruvida, con rossori localizzati, irritazioni e pruriti!

Non facciamoci sorprendere dall’autunno impreparati: addio alla pelle spenta e opaca, secca e screpolata, ruvida, con rossori localizzati, irritazioni e pruriti.

Quando sentiamo la pelle che pizzica e tira, siamo già oltre il punto soglia dell’equilibrio idrico, dobbiamo quindi agire prima.

BE HAPPY! La buona notizia è che sono sufficienti poche e semplici mosse per avere una pelle sempre idratata e luminosa, anche attraverso trattamenti fai da te: fatti consigliare da un esperto per scegliere solo prodotti specifici per le tue esigenze e risparmiare tempo e denaro.

giovane donna stende crema sul volto
Quali sono le vitamine per la pelle?

La routine a prova di freddo: pelle del viso perfetta in poche mosse

Partiamo dall’interno

  • L’acqua: ci si pensa poco in autunno ma manteniamo le sane abitudini di assumere almeno due litri di acqua al giorno, solo così la pelle manterrà la giusta idratazione!
  • Vitamine e Sali minerali: fanno bene sia alla pelle che ai capillari (che hanno l’importante compito di portare alla cute i nutrienti necessari) anche per il contenuto di sostanze antiossidanti che contrastano i radicali liberi e quindi l’invecchiamento.
  • Quali sono le vitamine per la pelle? Fondamentalmente la A, B, C, ed E e per assumerle scegliamo i cibi crudi o cotti al vapore che le contengano.In autunno privilegiamo alimenti come uva, pere, melograno, zucca, funghi, cavoli e cavoletti di Bruxelles, spinaci e verze, barbabietole, ravanelli, cachi, kiwi e più tardi agrumi e sempre il the verde, noci e nocciole, oli di semi. Tra i minerali citiamo lo zinco, selenio, rame e silicio.
  • Acidi grassi essenziali (in prevalenza omega 3, 6 e 9): non scordiamoci di assumere almeno due volte in settimana il pesce azzurro e più spesso la frutta secca come mandorle e noci; utilizzare l’olio extra vergine di oliva, ricco di antiossidanti, per la pelle secca molto utile anche l’olio di borragine.
  • Per un’eventuale assunzione di integratori è il momento di farti consigliare dal farmacista o dal medico.
donna che mangia melograno
In autunno privilegiamo alimenti come uva, pere, melograno, zucca, funghi, cavoli e cavoletti di Bruxelles, spinaci e verze, barbabietole, ravanelli, cachi, kiwi e più tardi agrumi e sempre il the verde, noci e nocciole, oli di semi.

E ora diamoci da fare all’esterno: consigli di beauty routine autunnale

PULIRE ED ESFOLIARE

Pulizia ed esfoliazione sono le basi per rinnovare la pelle. Dobbiamo sapere che le particelle di sporco e di inquinamento se rimangono troppo a lungo sulla cute possono interagire con i grassi del film idrolipidico (quella sorta di pellicola protettiva che ricopre tutta la nostra cute) e alterare il giusto grado di acidità. A lungo andare la pelle può diventare iper-reattiva.

  1. Cambia detergente

Tutti i giorni, mattino e sera: utilizza un detergente delicato e idratante adatto al tuo tipo di pelle e insisti sulle zone che trattengono di più lo sporco. Evita i detergenti troppo schiumogeni perché sono ricchi di tensioattivi aggressivi. Sciacqua con acqua tiepida, non con acqua troppo calda per non intaccare la fisiologica idratazione della pelle, tampona con un asciugamano morbido (senza sfregare!) e utilizza il tonico. Se la pelle è già secca, preferisci i latti detergenti o limita il contatto con l’acqua di rubinetto perché troppo carica di minerali e cloro. Preferisci acqua oligominerale, termale o un tonico adatto.

NB: Ricorda di detergere la cute sempre, sia nei giorni in cui ci si trucca che anche quando non lo si è fatto.

giovane donna sorridente

Lo “sporco” della pelle

Quello che noi chiamiamo “sporco” in realtà è un misto di sostanze prodotte dal nostro organismo (cellule morte, sebo, sudore) mescolate a tutto ciò che si trova sulla pelle proveniente dall’esterno (polvere, smog, microrganismi, residui di cosmetici, ecc.). I detergenti per loro natura hanno affinità sia con la parte grassa che con la parte acquosa e quindi se da una parte si legano alle sostanze lipidiche e a tutto ciò che si attacca a queste, dall’altra parte possono poi venire risciacquate e allontanate attraverso la semplice acqua. Per questo motivo è così importante utilizzare detergenti delicati, soprattutto per la pelle secca, per non intaccare il delicato film idrolipidico naturale che è la nostra più efficace barriera. Forse non tutti sanno che esso, dopo una detersione, adopera come minimo qualche ora per ripristinarsi. 

Aggiungi un esfoliante

Una o massimo due volte in settimana: utilizza un esfoliante su pelle umida, massaggiando il viso con la punta delle dita e con movimenti circolari e leggeri. Dopo questa operazione la pelle risulterà subito più compatta, levigata e luminosa. Un’alternativa può essere la spazzola elettrica per la pulizia del viso.

NOTA: se la pelle è già irritata meglio utilizzare maschere purificanti.

La pelle pulita sarà anche più ricettiva alle sostanze idratanti e nutritive che sceglieremo di applicare durante il successivo passo.

donna si stende la crema esfogliante sul viso

Esfoliazione e peeling sono sinonimi? No!

L’esfoliazione allontana dalla cute le cellule già in fase di distacco, e quindi è un intervento efficace e superficiale. Può essere eseguito anche a casa utilizzando:

  • esfolianti fisici (noccioli vegetali tritati finemente, polveri finissime, ecc.) che provocano una abrasione molto superficiale
  • esfolianti chimici, tra cui il più utilizzato è sicuramente l’acido glicolico che fa parte di sostanze attive chiamate alfaidrossiacidi (es. acido glicolico, acido lattico, acido mandelico) oppure i betaidrossiacidi come l’acido salicilico o i derivati dell’acido retinoico.

Il peeling invece comporta l’eliminazione di parecchi strati di cellule cutanee e quindi è di competenza medica: se da un lato è più efficace dall’altro può portare ad infiammazione e rossore, ed è proprio per questo che il lavoro deve essere effettuato e supervisionato da esperti.

IDRATARE, NUTRIRE E RIVITALIZZARE

Cambia crema idratante

Tutti i giorni, mattino e sera: scegli cosmetici altamente idratanti specifici per te, in base all’età, al tipo di pelle e al momento della vita. In generale per la stagione fredda si preferisce un prodotto dalla formulazione più ricca. Per la pelle a tendenza molto secca scegli le emulsioni più consistenti che prevengono anche arrossamenti e irritazioni grazie alle loro proprietà di formare un film protettivo sulla cute. Bene anche le formulazioni che idratano 24 ore, cioè a cessione lenta.

Aggiungi sostanze

Come abbiamo visto per la nostra alimentazione, che deve essere ricca di vitamine e sostanze antiossidanti, anche la pelle può migliorare il suo aspetto utilizzando prodotti che contengono le stesse sostanze. Ad esempio le vitamine A, C ed E, che sono antiossidanti, combattono i radicali liberi, stimolano il ricambio cellulare e contribuiscono alla sintesi di collagene ed elastina, le “impalcature” della nostra cute. Risultato: azione anti-invecchiamento, pelle rivitalizzata. Allo stesso modo gli acidi grassi polinsaturi che abbiamo già visto nel capitolo dell’alimentazione possono aiutare la pelle nei casi di forte disidratazione, accentuata secchezza e poca elasticità.

Scegli quei prodotti ricchi di sostanze che favoriscono l’idratazione e la coesione delle cellule, ad esempio l’acido ialuronico e le ceramidi. Più la pelle sarà idratata, più sarà elastica e luminosa.

mandorle preziose per la nostra pelle
La nostra alimentazione dev’essere alimentazione deve essere ricca di vitamine e sostanze antiossidanti

Due volte a settimana: una maschera idratante e lenitiva oppure una maschera nutriente.

Una tantum: applica creme o sieri effetto urto fino a finirli, per poi tornare alla solita routine. La pelle, rinvigorita, rimarrà idratata più a lungo.

Idratare o nutrire la pelle?

Molte volte questi due termini vengono usati a sproposito oppure come sinonimi. Per fare un po’ di chiarezza diciamo che tutte le formulazioni che vengono utilizzate per idratare o nutrire la pelle hanno come ultimo scopo quello di ripristinare la corretta idratazione a livello fisiologico. Gli idratanti si differenziano dai nutrienti principalmente per la quantità di sostanze grasse presenti all’interno.

giovane donna con foglia autunnale
Idratare o nutrire la pelle?

ED INFINE…

Non devono mai mancare:

  • Un protettivo labbra. La pelle delle labbra è molto più sottile di quella del viso e più soggetta a disidratazione. Applica un buon prodotto più volte al giorno e anche prima di andare a dormire.
  • Notti di sonno lunghe e rilassate significano una ritrovata bellezza della pelle, in quanto durante la notte le cellule si rinnovano e si disintossicano: non dormire a sufficienza significa interrompere questo sistema purificante.
  • Ambienti correttamente umidificati, perché in luoghi secchi anche la pelle tende a disidratarsi.
  • Protezione: è importante non dimenticare di proteggere la pelle dal sole anche nei mesi freddi con una crema che contenga un fattore di protezione solare (SPF minimo 15)
  • Uno stile di vita OK: oltre all’alimentazione sana senza abuso di alcol e fumo, non trascuriamo l’attività fisica.
  • Ginnastica al viso? Sì! Il massaggio al viso è utile per un effetto drenante (elimina i gonfiori e rassoda la pelle), se effettuato bene, e possiamo abbinarlo anche ad una crema e maschera rassodante.

Bibliografia

Paolorosso Andrea , Hunger Ricci Gabriella  – La mia pelle – Ed. Edizioni Ricerche Dr. G. Hunger Ricci, 2020.

Penazzi Giulia – Come sono fatti i cosmetici. Guida pratica alla lettura dell’INCI, Ed. Edra, 2020

Antonaccio Francesco – Curare la pelle del viso. Come creare una beauty routine efficace. Le 4 regole per una pelle perfetta e sana. 2019

www.antoninodipietro.it (Prof. Antonino di Pietro, dermatologo)

Articolo a cura della Dottoressa Valentina Tomasi, Farmacista e Tossicologa

FARMACIA BONIN
VIA SACILE 2,
FIASCHETTI DI CANEVA, PN
0434778675
farmaciabonin@gmail.com

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti: