Intervista alla Dott.ssa Laura Martinelli, dietista sportiva

In occasione della conferenza Sport ed Endurance che si terrà questo venerdì abbiamo posto alla Dott.ssa Laura Martinelli qualche domanda. Conosciamo la dottoressa per essere stati suoi studenti al SANIS, (Scuola su Nutrizione e Integrazione sportiva) è ci siamo fatti l’idea di una dietista sportiva molto preparata e capace di comunicare in modo semplice anche concetti impegnativi, forte della sua esperienza nel seguire una squadra ciclistica professionistica in corse complesse come giro e tour. Si profila una bella serata che potrà dare tanti consigli utili agli amanti di Corsa, Ciclismo, Triathlon e discipline di endurance in generale!
Ultimamente la tendenza è quella di personalizzare e periodizzare della nutrizione sportiva. Cosa ci dici al riguardo?
E’ semplicemente la strada giusta. In nutrizione, e ancor più in nutrizione sportiva, non c’è spazio per generalizzazioni ed assiomi: il metodo migliore è dare indicazioni personalizzate secondo gli obiettivi che l’atleta si pone durante la stagione e il periodo fuori-stagione. 
Ogni persona ed ogni sportivo ha le sue abitudini alimentari e magari non tutte sono corrette. Qual’è lo sbaglio che i tuoi atleti fanno più spesso e come provi a correggerlo?
Parlando di endurance, un errore molto frequente è il non bere a sufficienza durante l’esercizio (sia in allenamento che in gara). Io consiglio dunque di aumentare l’apporto di liquidi durante tutta la giornata, in modo da iniziare l’esercizio bene idratati, e di sfruttare gli allenamenti per “abituare lo stomaco” a sostenere volumi maggiori di liquidi anche durante lo sforzo.
A volte, specie in ritiro, con gli alberghi che usano piatti standard, ma anche con le merende, gli sportivi mangiano in maniera monotona. Ci regali una delle tue ricette segrete che usi per variare la loro alimentazione?
C’è una ricetta molto semplice ma molto gradita prima di iniziare l’allenamento: aggiungere al caffè amaro un cucchiaino di olio di cocco, ricco di grassi MCT, facilmente utilizzabili durante l’allenamento come fonte di energia.
E poi, pensando agli spuntini, una ricetta solitamente apprezzata è lo yogurt greco magro con sciroppo d’agave e noci. Non sempre per mangiare in maniera corretta è necessario rinunciare al gusto.
Qual’è la cosa più strana e divertente che ti è capitata stando al seguito di una squadra di ciclisti professionisti?
Ce ne sarebbero da raccontare! Un aneddoto divertente mi è capitato con un corridore norvegese, il quale durante la colazione pre-gara erroneamente ha mangiato delle decorazioni in plastica poste sul tavolo! Ci sono veramente atleti che potrebbero mangiare di tutto!
Ci consigli un bel libro che parla di sport?
La mia “bibbia” è “Sport&Exercise Nutrition” di McArdle e Katch, ma è più un libro di consultazione che di lettura. Poi bei libri di sport ce ne sono molti, in questo momento sto leggendo “Open” di Agassi e devo dire che merita davvero.
Ringraziamo la Dott.ssa Laura Martinelli per la sua gentilezza e le auguriamo un super in bocca al lupo per la sua nuova avventura con la Bahrain Cycling Team.
Laura Martinelli
Potete seguire la Dott.ssa Martinelli sul suo blog http://www.tomybow.com/it. In particolare vi consigliamo gli interessanti articoli sull’uso della barbabietola nell’endurance e delle amarene per il recupero.

 

 

SalvaSalva