Secondo uno studio portato a termine recentemente, una dieta ricca di alimenti ultra processati (in particolare fast food e carni lavorate), ricchi di zuccheri, grassi e sodio potrebbe far invecchiare più rapidamente.

Alcuni dei più comuni cibi processati:

bevande dolci

bevande gassate

hamburger

wurstel

piatti pronti 

pizze surgelate

dolci confezionati a lunga conservazione

snack

Al contrario, una dieta ricca di cibi integrali e verdure è legata a telomeri più lunghi e ad un minor rischio di malattie croniche.

I ricercatori dell’Università di Navarra hanno studiato campioni di DNA e abitudini alimentari di 886 partecipanti dai 20 anni in su, con un’età media di 67 anni.

Secondo questo studio, mangiare almeno tre porzioni al giorno di alimenti ultra processati è associato a telomeri più corti, strutture cromosomiche che ad ogni divisione cellulare perdono una parte, segnando cosi l’invecchiamento biologico, che è legato ad un rischio più elevato di malattie cardiovascolari, diabete e dislipidemia, cancro.

Il rischio sembrava aumentare anche con un po’ di cibo trasformato ogni giorno. I partecipanti che mangiavano due o tre porzioni al giorno mostravano un rischio del 29-40% più alto degli altri di avere dei telomeri corti rispetto a quelli che ne avevano mangiate meno di due.

La funzione dei telomeri è quella di aiutare a stabilizzare i nostri cromosomi e il DNA. Invecchiando, le cellule si dividono e i telomeri si accorciano. Stress, infiammazione e cattiva alimentazione possono accelerare questo processo di invecchiamento.

I ricercatori hanno anche scoperto che il consumo di alimenti ultra processati era collegato a problemi come la depressione (in particolare tra le persone che non fanno sport), l’ipertensione e l’obesità.


I partecipanti allo studio che mangiavano più alimenti ultra processati tendevano anche a fare più spuntini e consumavano più grassi saturi, sodio e colesterolo.

Ma ciò che non mangiavano era altrettanto importante: essi avevano meno probabilità di includere cibi come frutta e verdura nella loro dieta. Mangiavano anche meno proteine, meno fibre, meno carboidrati ed erano meno propensi a consumare grassi sani come l’olio d’oliva.

Ricerche approfondite hanno collegato quindi una dieta ricca di frutta e verdura, cereali, olio d’oliva, alimenti integrali e non processati, a benefici per la salute come un minor rischio di malattie, miglioramenti sensibili della pressione arteriosa e della glicemia ed anche un invecchiamento più sano.

Bibliografia:  https://academic.oup.com/ajcn/article-abstract/111/6/1259/5824715?redirectedFrom=fulltext

FARMACIA BONIN
VIA SACILE 2,
FIASCHETTI DI CANEVA, PN
0434778675
farmaciabonin@gmail.com

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti: