Controllo Densità Ossea 24 Ottobre 2017

Capire lo stato di benessere delle nostre ossa è fondamentale. Le nostre ossa infatti non sono statiche, ma in continuo rimodellamento, influenzato anche dal tipo di attività fisica e dalla dieta. Nel tempo, si può assistere ad una progressiva riduzione del tessuto osseo che diventa meno compatto e robusto. Queso alleggerimento delle ossa, che diventano meno compatte e robuste, è causato da fattori nutrizionali, metabolici o patologici, e può portare ad una carenza, l’osteopenia, ed infine ad una vera e propria malattia degenerativa, l’osteoporosi. L’osteoporosi colpisce una donna su tre ed un uomo su cinque ed è molto spesso silente, cioè senza sintomi dolorifici.

 

COME FUNZIONA

L’esame ad ultrasuoni non è invasivo e dura una decina di minuti.
I risultati verranno stampati e consegnati per poter essere visionati dal medico curante.

Tramite gli ultrasuoni è possibile controllare la densità ossea.
Il test viene eseguito sul calcagno, si tratta di un test non invasivo e di rapida esecuzione, della durata di circa 10 minuti. Si effettua appoggiando il piede su uno strumento che fa passare degli ultrasuoni attraverso l’osso. Lo strumento analizza la velocità e il grado di attenuazione delle onde che attraversano l’osso, ottenendone degli indici indiretti di massa e integrità strutturale ossea.
Il costo è di 19 euro.

Strumento
DENSITOMETRIA OSSEA AD ULTRASUONI OSTEOPRO VODEN

Controllo Densità Ossea

PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO ALLO 0434/778675
o inviandoci una e-mail farmaciabonin@gmail.com

 

La prevenzione dell’osteoporosi

si attua mediante la correzione dei fattori di rischio:

  • fumo
  • abuso di alcool
  • rischi ambientali di cadute.
  • periodi di immobilizzazione

e favorendo:

  • l’attività fisica.
  • un adeguato apporto di calcio
  • un giusto apporto di vitamina D
  • un apporto proteico bilanciato (necessario per mantenere la funzione del sistema muscolo-scheletrico.)

INTERVENTI SUL RISCHIO DI CADUTE

L’attività fisica, in particolare esercizi personalizzati di rinforzo muscolare e di rieducazione all’equilibrio e dalla deambulazione, hanno mostrato di ridurre negli anziani sia il rischio di cadute che di traumi correlati. I principali fattori di rischio cadute sono: disabilità motoria, disturbi dell’equilibrio, patologie neuromuscolari, defcit visivi, patologie cardiovascolari, trattamenti farmacologici e deficit cognitivi.

Gruppi di cammino

Gruppi di cammino

Una buona idea potrebbe essere frequentare i   Gruppi di cammino a Caneva e/o Sarone

 

 

per approfondire
Linee Guida 2017 Siomms Osteoporosi

Fai clic per accedere a Linee-Guida-Reumatismo-2016-ITA.pdf

 

 

N.B.
Il controllo della densità ossea mediante ultrasonografia non rappresenta una misura diretta della densità ossea. Risultati discordanti fra valutazione ultrasonografica e DXA non sono sorprendenti nè infrequenti e non indicano necessariamente un errore.
L’ultrasonografia può essere utile quando non è possibile una valutazione DXA e può essere raccomandata per indagini epidemiologiche e screening di primo livello, considerandone i costi relativamente bassi, la facile trasportabilità e l’assenza di radiazioni.

SalvaSalva

SalvaSalva